Chiamaci: + 39 0363 48636

boulle collection

Andrè Charles Boulle

 Ebanista (Parigi 1642 – ivi 1732). Protetto da Luigi XIV e da Colbert, ebbe studio al Louvre e ampie facilitazioni per lo sviluppo della sua produzione. Creò uno stile di mobili riccamente adorni di bronzi e intarsî di tartaruga, madreperla, avorio, ecc., che da lui prendono nome. Il suo capolavoro è il “cabinet” del Delfino a Versailles, riccamente intarsiato. Pubblicò un libro di motivi ornamentali per mobili. Dei suoi quattro figli, tutti ebanisti, il più stimato fu André-Charles (1688-1754), detto Boulle de Sèvres.
I mobili in stile Boulle furono largamente imitati nella seconda metà del sec. 19º, sia in Francia sia in Inghilterra.

Ebbe un laboratorio al Louvre per interessamento di Colbert che lo raccomandò a Luigi XIV e portò alla massima perfezione la tecnica d’intarsio cui è legato il suo nome. Tale tecnica consiste nel sovrapporre un foglio di ottone e uno di tartaruga di uguale spessore, ritagliandoli poi con arabeschi e temi decorativi. Sul mobile veniva applicato o l’intarsio in ottone su tartaruga (più richiesto) o l’intarsio di tartaruga sull’ottone, o ambedue; oltre a questi due materiali potevano essere usati anche corno od osso tinto, madreperla, ebano, avorio. Tra i pezzi attribuiti con sicurezza a Boulle, i migliori sono due cassettoni del 1709 al Trianon, ricchissimi di applicazioni in bronzo. La sua attività fu continuata dai quattro figli. La tecnica di Boulle venne usata in Francia e in Inghilterra fino a tutto il sec. XIX.

Boulle.It by Angelo Monzio Compagnoni 1951

1 DSCN0627 DSCN0592 DSCN0589 DSCN0588 DSCN0582 DSCN0581 Dormeuse colonna 1002F 101B 20 18 17 16 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 DSC_1465